Valigia Blu: Migranti, lo scontro con i libici e la tragedia in mare. Le immagini che testimoniano cosa è successo

0

 

venerdì 10 novembre 2017

 

Migranti, lo scontro con i libici e la tragedia in mare. Le immagini che testimoniano cosa è successo

“«This is italian navy helicopter, channel 16, we want you to stop now, now, now». Il disperato grido partito dall’elicottero della Marina italiana presente sulla scena è tutto registrato nelle conversazioni sul canale 16 riservato ai soccorsi”. Lunedì 6 novembre, “l’elicottero della Marina italiana volava basso in tondo e provava a fermare la motovedetta libica mentre John moriva, trascinato via a folle velocità, sospeso in aria sul mare, una mano disperatamente attaccata alla cima e l’altra protesa verso la moglie, ormai in salvo sul gommone della Sea Watch. «Lui era lì, sul ponte della barca e gridava verso di me. I libici lo picchiavano con delle corde, lo prendevano a calci, poi l’ho visto scavalcare e buttarsi in acqua. È andato giù, l’ho visto riemergere, era riuscito a riaggrapparsi alla fune sul fianco della motovedetta. Gridava: ‘Aspettatemi, aspettatemi, aiuto, non lasciatemi qui…’. Ma a un certo punto i libici hanno riacceso il motore e la barca ha fatto un balzo in avanti trascinando via lui e tutti gli altri che stavano ancora in acqua. E non l’ho più visto». Così Darfish racconta a Repubblica il momento in cui ha perso suo marito. Lei era sul gommone della nave umanitaria tedesca, mentre lui si trovava a bordo della motovedetta della Guardia costiera libica, “dunque destinato a tornare in Libia. Di nuovo in prigione, di nuovo torture, violenza, un nuovo riscatto da pagare per riprovarci ancora”.

“Un incidente che avrebbe fatto una cinquantina di dispersi e sul quale adesso indaga la Procura di Ragusa. Nei prossimi giorni i pm vaglieranno le testimonianze dei 59 superstiti portati a Pozzallo dalla Sea Watch (insieme alle vittime recuperate e trasferite a bordo di un’altra nave umanitaria, la Aquarius di Sos Mediterranèe, tra cui un bambino di 2 anni)”.

Gennaro Giudetti, volontario dell’Ong Sea-Watch, presente sulla scena, intervistato da Vita.it, ha affermato: «Ho visto cose allucinanti a cui faccio fatica ancora a credere. I militari libici sembravano non interessarsi a quelli che erano più lontano da loro, tra cui diversi già senza vita, e hanno lanciato corde alle quali le persone si aggrappavano per salvarsi. Ma molte persone sapendo che sarebbero ritornati in Libia quando ci hanno visto hanno iniziato a nuotare verso di noi. I libici all’inizio sembravano collaborativi, (…) poi però hanno iniziato a lanciare addosso delle patate, mentre ci urlavano di andarcene. Nello stesso tempo si rendevano protagonisti di brutalità sulla loro nave: prendevano a frustate e bastonate chi era già a bordo ma cercava di alzarsi e ributtarsi in mare per venire da noi. Ma le persone continuavano a provarci, anche perché vedevano che alcuni dei loro parenti erano già in salvo sui nostri gommoni e la separazione faceva esplodere la loro disperazione».

La guardia costiera libica sulla sua pagina Facebook ha respinto le accuse dicendo che i migranti hanno iniziato a tuffarsi in mare nel momento in cui hanno visto avvicinarsi i gommoni della Ong.

RaiNews ha pubblicato un servizio di Pino Finocchiaro in cui si vede (con immagini e comunicazione radio) la motovedetta della guardia costiera libica proseguire nella corsa, nonostante l’avviso lanciato dall’elicottero della marina italiana della presenza di una persona rimasta sul lato destro della nave e di altre che si gettavano in mare e la richiesta di collaborare con Sea Watch.

Fonti:

Repubblica Palermo: goo.gl/Zp5Dng
Vita.it:                         goo.gl/RA2uWP
 The Libya Observer: goo.gl/uCvBKo 
 Il video di RaiNews: goo.gl/nY2eKB

Valigia Blu Migranti, lo scontro con i libici e la…

https://www.facebook.com/valigiablu/posts/1927508197266831

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.