Valle Giordano: non si arrestano le demolizioni

THURSDAY, 29 MARCH 2012 08:24 JORDAN VALLEY SOLIDARITY

 Lunedi 26 marzo le forze di occupazione israeliane (FOI) hanno demolito 4 case e 12 baracche di animali nella valle del Giordano.

Alle 8 di mattina, 4 veicoli militari israeliani, 2 jeep dell’amministrazione civile e 2 bulldozer sono entrati nella comunità palestinese di al Himma ed hanno dichiarato l’area zona militare chiusa prima di demolire la casa di Mahmoud Alwad, dove viveva con la moglie e i suoi 4 figli.

Le FOI hanno proseguito fino alla casa di Abed Rabo Mohammed Ben Abdullah Odi, nella stessa comunità. Abed ha ricevuto un ordine di demolizione nel mese di novembre ed il giudice stava ancora esaminando il suo appello quando sono arrivate le FOI ed hanno demolito due immobili dove viveva una famiglia di 11 persone. Il membro più piccolo è un bambino di soli 2 mesi. I soldati hanno vietato alla famiglia di prendere i loro effetti personali. In seguito hanno continuato a demolire casa appartenente alla famiglia di Ben Odi e 4 baracche per animali.

Alle 10:00 le FOI hanno distrutto la casa di Mohammed Majid Hamed Daragemeh che viveva con la moglie e 7 figli. Hanno anche distrutto la baracca dove la famiglia teneva gli animali. Le FOI hanno proseguito lungo la strada sterrata della piccola comunità ed hanno demolito la casa di Suliman Ahmed Nagi Dibik che viveva con la moglie e i suoi 6 figli. Hanno anche demolito il capannone dove la famiglia teneva gli arnesi di lavoro.

Il villaggio di Al-Hammi nella Valle del Giordano settentrionale è costruito su un terreno privato ed esisteva già prima dell’occupazione del 1967. Ora vi vivono 16 famiglie ma a loro viene proibito avere accesso all’acqua corrente nonostante ci siano i tubi della compagnia israeliana statale Mekorot che passano attraverso la comunità. E lo stesso vale per i tralicci israeliani dell’elettricità, che attraversano la comunità, ma sono ad uso esclusivo dei coloni israeliani. La comunità beduina di Al Hammi vive in modo tradizionale e si basa sull’allevamento degli animali e sulla produzione di formaggio e yogurt. In meno di 2 ore, le forze di occupazione israeliane hanno distrutto 4 case lasciando 34 persone (tra cui 26 bambini) senza un tetto sopra la testa.

Alle 11:00 le forze israeliane sono entrate nel villaggio di al-Farisiya e hanno distrutto due baracche per gli animali di proprietà di Abdullah Ali Johadi. Queste strutture erano già state demolite lo scorso ottobre e poi di nuovo l’8 marzo 2012. Inoltre le FOI hanno distrutto alcuni terreni agricoli di proprietà della famiglia Johadi Abdullah ed hanno ordinato di abbandonare la terra e di andare a Tubas (area urbana palestinese), avvertendolo che se fosse rimasto sulla sua terra sarebbe stato ucciso.

Verso le 11:30 le FOI hanno demolito le baracche del fratello, Husein Johadi Abu Mazen. Sua moglie ha commentato: “Questa terra serve solo come pascolo per gli animali e i soldati israeliani sono venuti a distruggerla. Vogliono essere i padroni di tutto”. “Ottomani, britannici, giordani, tutti hanno occupato questa terra prima ma nessuno Stato ci aveva mai trattato così”.

Le FOI hanno anche demolito due baracche per gli animali e un magazzino degli attrezzi di proprietà di Suleiman Abdallah Mahmoud Bsharat a Khirbet Humsa. Il 12 gennaio 2012, le FOI avevano già distrutto la stessa struttura dove la famiglia Bsharat teneva 300 pecore.

Khirbet Humsa si trova nel centro della valle del Giordano e ci vivono 9 famiglie.

Tradotto in italiano da Marta Fortunato per l’Alternative Information Center (AIC)

http://www.alternativenews.org/italiano/index.php/topics/settlers-violence/3504-valle-giordano-non-si-arrestano-le-demolzioni

Contrassegnato con i tag: , , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam