“VIENI, SII IL MIO SCHIAVO” – Rabbino israeliano di un’accademia militare dichiara che i Palestinesi dovrebbero essere ridotti in schiavitù per il loro stesso bene.

0

“Sì, siamo razzisti, certo che lo siamo. Nel mondo ci  sono razze e nazioni che hanno determinati attributi genetici e che richiedono che noi, il popolo ebraico, pensiamo  a come aiutarli”.

English version

Yossi Gurvitz –  9 agosto 2019

Immagine di copertina: Eliezer Kashtiel, (da Youtube trasmesso da i24. Immagine dello schermo).

Un prestigioso istituto religioso per candidati ufficiali dell’esercito israeliano si è nuovamente distinto per la sua retorica inumana. Un rabbino della scuola si è esposto auspicando la schiavitù per i palestinesi. Il testo della sua affermazione è stato scoperto dal blogger / avvocato Yair Nehorai, che da oltre un anno sta documentando lo scandaloso insegnamento dei rabbini nel collegio religioso di Bnei David .

Il rabbino Eliezer Kashtiel, capo di Bnei David, un collegio militare religioso nell’insediamento di Eli nella Cisgiordania occupata, teneva lezioni su “la schiavitù e la posizione dei lavoratori secondo l’ebraismo” e giustificava la supremazia ebraica e l’asservimento dei palestinesi sotto occupazione:

“Sì, siamo razzisti, certo che lo siamo. Nel mondo ci  sono razze e nazioni che hanno determinati attributi genetici e che richiedono che noi, il popolo ebraico, pensiamo  a come aiutarli. Il fatto che qualcuno sia inferiore a te non è un motivo per deriderlo o eliminarlo, ma per aiutarlo. Sì, ci sono differenze tra le razze e questo è precisamente il motivo per cui dovremmo offrire aiuto. Proprio come sappiamo che ci sono difetti genetici nella società, ad esempio quando un bambino nasce con un difetto. È una ragione per deriderlo? Per provocarlo, insultarlo? No. Chiede solo di essere aiutato.

“Se vedo che raggiungo risultati molto più grandi e impressionanti di lui in campo morale, intellettuale e personale,  mio dovere è aiutarlo, non lasciarlo povero e indifeso. Dargli  la mano e dire “vieni, vieni, sii il mio schiavo, sii un partner nel mio successo. […] Sai come funziona  oggi? Un Paese prospero vede un Paese arretrato e lo trasforma nella sua discarica. Questo accade oggi. Ci sono Paesi in Africa, Paesi arretrati, e cosa fanno i superpoteri? Rendono la loro situazione ancora peggiore.

“[…] Se l’occupazione significa umiliarti, deriderti, schernirti, eliminarti –  certo che è un male. Ma se l’occupazione significa “Ho successo, vieni da me, ti sto chiamando per entrare in società, perché sei solo, perché sei separato da me, voglio occuparti,  voglio farti unire a noi, diventerai parte di un grande successo, avrai benefici nel diventare il mio schiavo. Vivi una vita così miserabile! Vieni, sii il mio schiavo, vedrai che vita avrai, a quale stadio spirituale ed etico salirai …

“[…] Qui c’è un difetto genetico oggettivo, cosa  si può fare? La Bibbia è piena di quello, il Talmud è pieno di quello … ”

I commenti non datati del rabbino sulla schiavitù sono stati riportati per la prima volta in aprile, ma in forma molto ridotta. I commenti completi sono stati recentemente pubblicati da Nehorai.

C’è di più,molto di più oltre a questo, ma presumibilmente prima o poi cenerete, quindi vi risparmierò.

Yair Nehorai,  dei Rabbis for Human Rights

Bnei David (o come preferisco chiamarlo, Bnei Eli; quelli di voi con un’istruzione biblica potranno capire la battuta *) è considerato il fiore all’occhiello del sistema educativo nazional-religioso. Il collegio è stato creato alla fine degli anni ’80, quando i rabbini notarono con allarme che gli studenti degli yeshiva che si arruolavano nell’esercito spesso “tolgono lo yarmulke e diventano secolari, e “il settore” perde voti, anime e denaro”. Eli è stato il primo dei “collegi militari”: lo scopo è sottoporre i ragazzi ex-yeshiva a un altro anno di indottrinamento,  così da essere “rafforzati” quando si arruoleranno nell’esercito. Come parte dell’accordo con l’esercito, questi cadetti – che si uniscono all’esercito un anno dopo rispetto agli altri israeliani – nel collegio vengono addestrati per diventare ufficiali. Il formato fu considerato di successo sia dall’esercito che dai rabbini, e furono creati molti altri collegi simili; solo  una piccola minoranza è secolare. Il fondatore di Bnei David, Eli Sadan,nel 2016  vinse  l’Israel Prize (il più importante premio civile), principalmente grazie al suo lavoro a Bnei David.

Negli ultimi due anni sono state riportate molte affermazioni imbarazzanti dei rabbini di Bnei David. I rabbini si sono rivelati – sorpresa! – estremamente omofobi, radicalmente anti-Gentili e rabbiosamente misogini. Hanno deriso donne soldato, soldati gay e soldati secolari. L’infinito flusso di imbarazzo indusse l’esercito a  esonerare un rabbino – Yigal Levinstein, vice preside di Bnei David – da qualsiasi contatto con l’esercito; questo  rese necessario il suo allontanamento dalla  sua posizione (sebbene continui a tenere lezioni nel collegio). Per un breve periodo, fu presa in considerazione l’idea di rimuovere Bnei David dall’elenco dei collegi sostenuti dai militari, ma fu  abbandonata a causa del potere politico esercitato dai suoi rabbini.

FOTO Yair Nehorai, di Rabbis for Human Rights

Sfortunatamente per Bnei David, centinaia di lezioni sono state pubblicate su Youtube. Ciò significa che, supponendo che abbiate la capacità di  sopportare due ore di farneticazioni religiose, il canale è una miniera d’oro. Yair Nehorai, che  sostiene la libertà religiosa, sta esplorando questa miniera d’oro da un po ‘di tempo. Quest’ultima denuncia è arrivata dopo che il Bnei David ha  cercato di vendicarsi intentando contro di lui due azioni legali: una per diffamazione (buona fortuna per  quella) e l’altra per violazione del copyright (avranno bisogno di una fortuna ancora  più grande per questa) ” facendo causa a Nehorai per 700.000 NIS (circa 200.000 dollari ) e 1.000.000 NIS (circa  315.000 dollari ), rispettivamente.

Molti ufficiali dell’IDF hanno  frequentato lo Bnei David o altre università simili. Questo è l’indottrinamento che hanno avuto. Tenetelo  a mente quando sentite parlare delle attività dell’IDF nei Territori Palestinesi Occupati.

* Per quanto riguarda la battuta, vedi 1 Samuele 2:12: “Ora i Figli di Eli erano figli di Belial; non conoscevano il Signore ” e i pochi versi seguenti.

 

Yossi Gurvitz

Yossi Gurvitz è giornalista e blogger e ha seguito ampiamente l’Occupazione.

 

Trad: Grazia Parolari “contro ogni specismo, contro ogni schiavitù” – Invictapalestina.org

 

 

“VIENI, SII IL MIO SCHIAVO” – Rabbino israeliano di un’accademia militare dichiara che i Palestinesi dovrebbero essere ridotti in schiavitù per il loro stesso bene.

“Vieni, sii il mio schiavo” – Rabbino israeliano di un’accademia militare dichiara che i Palestinesi dovrebbero essere ridotti in schiavitù per il loro stesso bene.

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.