Vik il pacifista armato di social network

Pino Bruno | aprile 15th, 2011 – 18:58

A  chi, dopo l’ultima puntata di Report, pensa che i social network siano soprattutto pericoloso cazzeggio per regalare dati personali alle multinazionali del digitale, vorrei ricordare che Vik Arrigoni era/è stato/è il testimonial dell’esatto contrario. Dell’uso intelligente, permanente, virale, degli strumenti della nuova comunicazione.

 Vik con una bambina di Gaza. Aveva scelto questa foto per il suo profilo Facebook 

Giacché quella vecchia – giornali, televisioni – lo ignorava, come ignora le migliaia di volontari che – come Vittorio – fanno uno straordinario lavoro invisibile. Chi lo seguiva da sempre – non solo su Facebook – sa che Vittorio era una presenza costante, ad ogni ora del giorno e della notte.

Tutta Gaza minuto per minuto. L’assedio, la fame, i bombardamenti, le uccisioni, i casini politici tra palestinesi e palestinesi.

Anche a volerlo ignorare, non ci riuscivi. E allora leggevi, cliccavi mi piace, condividevi, commentavi. E lui era contento, soddisfatto di postare notizie e filmati, di invadere il web sociale con i suoi articoli e i suoi video, con la sua pacata rabbia di pacifista nel midollo, di profeta disarmato, che scriveva ogni giorno quello che i giornalisti blasonati scrivono di tanto in tanto. Due giorni a Gaza, un articolo o un servizio (mai in prima pagina, per carità) e poi altre settimane, altri mesi di buchi neri dell’informazione. E’ la macchina dei media, bellezze. Funziona così e pare che non ci si possa fare nulla.

Invece Vik faceva, scriveva, videogirava. Non voleva che ci fossero alibi per nessuno, il pacifista armato di social network, che sollecitava anche i giornalisti a essere umani.

La pagina Facebook di Vittorio non ha chiuso con la sua morte. Gli amici hanno deciso di continuare ad alimentarla di notizie:

“Ciao a tutti. Vittorio ha lasciato in mani fidate l’accesso a questa pagina. D’accordo con la famiglia abbiamo deciso di continuare a pubblicare .~ Stay Human ~”

PS. (Come sempre) l’articolo più lucido su cosa ci può essere dietro la morte di Vittorio l’ha scritto Paola Caridi, sul suo blog.

Contrassegnato con i tag:

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam