Villaggio palestinese abitato ininterrottamente da 3000 anni sta per essere distrutto da Israele

Lunedì 14 ottobre 2013

immagine1

CANCELLARE UN ANTICO VILLAGGIO DI PASTORI. CANCELLARE LA LORO STORIA, LA LORO CULTURA, LA LORO VITA. SUCCEDE MOLTO SPESO, IN CISGIORDANIA

Villaggio palestinese abitato ininterrottamente da 3000 anni sta per essere distrutto da Israele

Lunedi 14 ottobre, 2013 01:57
by Saed Bannoura – IMEMC Notizie

L’Alta Corte israeliana sta per pronunciarsi sulla espulsione forzata di tutti i residenti del villaggio di Khirbat Zanuta, a sud ovest di Hebron, nel sud della West Bank, lunedi.

La decisione arriva cinque anni dopo che è stato emesso l’ordine iniziale da parte del giudice di demolire il villaggio. Tale decisione è stata messa in attesa, quando è stato presentato ricorso per conto degli abitanti del villaggio da parte dell’Associazione per i Diritti Civili in Israele.

Secondo l’Associazione per i Diritti Civili in Israele, “L’anno scorso, una organizzazione espansionista ebrea di nome Regavim è riuscita a far rivivere il caso presentando una richiesta di amicus-curia, subito dopo, lo Stato ha presentato la sua piena risposta alla petizione. Nel mese di aprile 2012, l’Amministrazione Civile ha emesso ordini di demolizione aggiuntivi per nuove strutture del villaggio, tra cui numerose cisterne (ACRI sostiene che le contestazioni dei nuovi ordini devono essere uniti alla petizione originale, ma l’amministrazione civile non è d’accordo).
La Suprema Corte ha ascoltato le argomentazioni aggiuntive il 30 luglio 2012. Durante l’udienza, i giudici hanno consegnato una dura critica allo Stato per il suo intento di demolire il villaggio senza suggerire una soluzione per i suoi residenti. “

Ma la decisione di lunedi dovrebbe provocare l’espulsione forzata di tutti gli abitanti del villaggio, che hanno vissuto sulla terra dei loro antenati per tutto il tempo che possono ricordare. Essi stessi sono amministratori del sito archeologico in cui vivono e accudiscono le loro pecore, e hanno impedito qualsiasi saccheggio o la distruzione dei manufatti presenti sul sito.

L’organizzazione sionista Regavim che è riuscita a far rivivere l’ordine di demolizione del villaggio ha avuto un tempo di risposta rapido dalla corte. Il quotidiano israeliano Ha’aretz riferisce che l’organizzazione ha un “rapporto intimo con le autorità”, secondo il suo direttore Bezalel Smotrich, che lo ha raccontato al sito dei coloni Hakol Hayehudi il 31 luglio 2012: “Un altro parametro del successo delle attività di Regavim è il trattamento da parte delle autorità nell’insediamento. Tra le fila del settore e in molti dipartimenti del Ministero dell’Interno, dell’Amministrazione della terra di Israele , il Ministero della Giustizia e di più, vedono Regavim come un fattore positivo che sta arrivando in loro aiuto a corazzarsi contro la pressione che ricevono da sinistra. La maggior parte di loro sono brave persone, persone idealistiche … felici per la contro-pressione che esercitiamo, dopo anni in cui hanno assorbito così tanto calore in forma di pressione e di lettere da parte di organizzazioni di sinistra. “

Gli abitanti di Khirbat Zanuta sono pastori, che hanno tradizionalmente vissuto in caverne e le strutture intorno alle entrate delle grotte. Il villaggio è situato in quella che Israele chiama ‘Area C’, una denominazione creata sotto gli accordi di Oslo nel 1993, per la terra che doveva restare temporaneamente sotto il controllo israeliano dell’amministrazione civile, ma che avrebbe dovuto essere passata allo Stato palestinese entro cinque anni. Questo non è mai successo, e tutte le aree designate come ‘Area C’ nel 1993 rimangono sotto il pieno controllo israeliano oggi – la maggior parte dei 500.000 coloni israeliani che hanno preso terra in Cisgiordania nei venti anni successivi a tale denominazione si sono trasferiti in ‘ Area C ‘. Secondo l’Associazione per i Diritti Civili in Israele, ” Il caso di Zanuta è dimostrativo della politica di pianificazione del governo israeliano in quanto si riferisce ai palestinesi in Area C, in cui azioni gravi come la distruzione delle strutture umanitarie di base sono giustificate da un Comma 22 assurdo, che penalizza i residenti per il mancato richiedere un permesso che non gli sarebbe mai stato concesso. Se questi ordini di demolizione saranno eseguiti, gli abitanti di Zanuta saranno spogliati dei loro più elementari diritti umanitari: riparo, acqua e mezzi di sussistenza, per non parlare di dignità, cultura e stile di vita. Come potenza occupante in Area C, Israele è vincolato dal diritto internazionale a proteggere la comunità indigena. Il caso esemplifica una politica di demolizione di edifici nei villaggi palestinesi che rimuove i popoli indigeni dalle loro terre in violazione assoluta del diritto internazionale che li protegge “.

 

https://www.facebook.com/IlPopoloCheNonEsiste?ref=stream&hc_location=timeline

…………………………………………………………………………………………..

ARTICOLO ORIGINALE

http://www.imemc.org/article/66248

 

Palestinian village continuously inhabited for 3,000 about to be destroyed by Israel

Monday October 14, 2013 01:57
by Saed Bannoura – IMEMC News

 

The Israeli High Court is set to rule on the forced expulsion of all of the residents of the village of Khirbat Zanuta, southwest of Hebron in the southern West Bank on Monday.

immagine2

Villagers in Khirbat Zanuta (image by ACRI)

The decision comes five years after the initial order was made by the court to demolish the village. That decision was put on hold when an appeal was filed on behalf of the villagers by the Association for Civil Rights in Israel.

According to the Association for Civil Rights in Israel, “Last year, a Jewish expansionist organization named Regavim succeeded in reviving the case by filing an amicus-curia request; soon thereafter, the state submitted its full response to the petition. In April 2012, the Civil Administration issued additional demolition orders for new structures in the village, including several cisterns (ACRI is arguing that objections to the new orders should be joined to the original petition, but the Civil Administration disagrees). The Supreme Court heard additional arguments on July 30, 2012. During the hearing, the justices delivered harsh criticism of the State for its intent to demolish the village without suggesting a solution for its residents.”

But the decision on Monday is expected to result in the forced expulsion of all of the village’s inhabitants, who have lived on the land of their ancestors for as long as they can remember. They consider themselves stewards of the ancient archaeological site on which they live and tend their sheep, and have prevented any looting or destruction of artifacts on the site.

The Zionist organization Regavim that managed to revive the demolition order on the village had a quick response time from the court. The Israeli daily Ha’aretz reports that the organization has a “cozy relationship with the authorities”, according to its Director Bezalel Smotrich, who told the settler website Hakol Hayehudi on July 31, 2012, “Another parameter of the success of Regavim’s activities is the treatment by authorities in the establishment. Among the ranks in the field and in a lot of departments of the Interior Ministry, Israel Land Administration, the Justice Ministry and more, they view Regavim as a positive factor that is coming to their aid to steel them against the pressure they receive from the left. Most of them are good people, idealistic people… happy for the counter-pressure we exercise after years in which they absorbed so much heat in the form of pressure and letters from left-wing organizations.”

The inhabitants of Khirbat Zanuta are shepherds, who have traditionally lived in caves and structures around the cave entrances. The village is located in what Israel calls ‘Area C’, a designation created under the Oslo Accords in 1993 for land that was to temporarily remain under Israeli civil administration control, but should have been transitioned to Palestinian rule within five years. That never happened, and all of the areas designated as ‘Area C’ in 1993 remain under full Israeli control today – most of the 500,000 Israeli settlers that have taken over land in the West Bank in the twenty years since that designation have moved into ‘Area C’.

According to the Association for Civil Rights in Israel, “

The case of Zanuta is demonstrative of the Israeli government’s planning policy as it relates to the Palestinians in Area C, in which actions as severe as the destruction of basic humanitarian structures are justified by an absurd Catch 22 that penalizes residents for failing to apply for a permit they could never have been granted. If these demolition orders are carried out, the residents of Zanuta will be stripped of their most basic humanitarian rights: shelter, water, and livelihood, not to mention dignity, culture, and way of life. As an occupying power in Area C, Israel is bound by international law to protect the indigenous community. The case exemplifies a policy of demolishing buildings in Palestinian villages that removes indigenous peoples from their lands in absolute violation of the international law which protects them.”

Contrassegnato con i tag: , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam