Washington “consegna” il Golan occupato a Israele, Damasco risponde

0

14 mar 2019

Sul modello Gerusalemme “capitale israeliana”, gli Stati uniti fanno lo stesso con il territorio siriano occupato illegalmente nel 1967: proposta di legge per riconoscerlo come proprietà dello Stato ebraico. Il governo siriano avverte: reagiremo

di Stefano Mauro

Roma, 14 marzo 2019, Nena News – “Gli Stati Uniti giocano con il fuoco nel tentativo di far riconoscere la sovranità di Israele nelle Alture del Golan”, ha titolato mercoledì nel suo editoriale il quotidiano online Rai Al Youm.

L’articolo si riferisce alla recente visita del senatore americano Lindsey Graham, vicino al gruppo di potere del presidente Trump, in Israele. In visita nel Golan, accompagnato dal premier Netanyahu e dall’ambasciatore americano in Israele David Friedman, Graham ha promesso al primo ministro israeliano di fare del suo meglio per far adottare un progetto di legge relativo a “un riconoscimento della sovranità israeliana sulle Alture del Golan” occupato.

Come riportato dal quotidiano The Times of Israel, la scorsa settimana i senatori repubblicani Ted Cruz e Tom Cotton, insieme al rappresentante del partito democratico Mike Gallagher, hanno inviato un progetto di legge al senato relativo al Golan. I firmatari di questo progetto di legge hanno indicato che “è giunto il momento di riconoscere la realtà politica sul campo e di abbandonare le aspettative relative ad un accordo di pace tra Israele e Siria” con un progetto di legge destinato a riconoscere ufficialmente “la sovranità israeliana nelle Alture del Golan”.

Una scelta unilaterale da parte di Washington, come avvenuto per il riconoscimento di Gerusalemme capitale di Israele,  in totale violazione alle risoluzioni dell’Onu. La posizione delle Nazioni Unite, rispetto allo status giuridico delle Alture del Golan, resta invariata: “Sono un territorio occupato illegalmente da Israele”.  Già lo scorso anno il Consiglio di Sicurezza aveva espresso forte preoccupazione in merito alle dichiarazioni del premier Netanyahu e alla volontà di Tel Aviv di considerare quel territorio di sua appartenenza. Il Cds aveva, inoltre, ribadito che “in base alla Risoluzione 497, del 1981, la decisione da parte israeliana di imporre le sue leggi e la sua amministrazione nei territori del Golan siriano occupato è totalmente illegittima, senza nessun fondamento o riconoscimento internazionale”.

Sempre secondo The Times of Israel, Netanyahu “utilizza le sue buone relazioni interpersonali con Washington in chiave elettorale”-  riguardo alle prossime elezioni di aprile in Israele – “presentando una possibile legittimazione sul Golan  come un successo personale, in contrapposizione all’incapacità dei suoi avversari politici”.

Abdel Bari Atwan, direttore di Rai al Youm, ha scritto nel suo editoriale: “Dopo che Netanyahu non è riuscito a creare una zona tampone di sicurezza nel sud della Siria  con l’utilizzo dei gruppi jihadisti contrapposti al governo di Damasco (come documentato dagli stessi osservatori Onu e denunciato dal Segretario Generale Guterres, ndr), adesso si rivolge a Washington nella speranza di ottenere un risultato importante, soprattutto in chiave elettorale”.

Sul versante siriano, il ministero degli affari esteri siriano ha denunciato ufficialmente la promessa fatta da Graham qualificandola come “l’ennesimo esempio dell’arroganza dell’amministrazione Trump” e mettendo in guardia Kristin Lund, responsabile dell’Untso (organismo Onu che monitora la tregua sul Golan) “riguardo ad una possibile escalationnell’area”.

Molto più diretto il vice ministro degli esteri siriano, Feysal Meqdad, che ha avvertito il governo di Tel Aviv.  “Se Israele non si ritirerà dal Golan occupato – ha affermato Meqdad – Damasco non esiterà a ricorrere alla forza per liberare parte del territorio siriano”. Proprio in questi giorni il governo siriano ha riattivato la sua principale base militare a Quneitra  ed ha messo in stato di allerta i suoi sistemi di difesa antiaerea, per poter rispondere ad un eventuale attacco dell’esercito israeliano. Nena News

 

 

Washington “consegna” il Golan occupato a Israele, Damasco risponde

http://nena-news.it/washington-consegna-il-golan-occupato-a-israele-damasco-risponde/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.