YEMEN. I sauditi annunciano una tregua di due settimane

549

tratto da: NENA NEWS

09 apr 2020

La mossa è stata in parte decisa per evitare un potenziale scoppio del nuovo coronavirus nello Yemen, dove finora non sono stati segnalati casi. L’inviato dell’Onu Griffiths: le parti in conflitto devono ora sfruttare questa opportunità e fare progressi verso la pace

La capitale yemenita Sanaa (foto da Wikimedia Commons)

della redazione

Roma, 9 aprile 2020, Nena News – Da oggi e per due settimane la coalizione militare guidata dall’Arabia Saudita cessa i bombardamenti in Yemen ed osserverà un cessate il fuoco completo.  La mossa segue l’appello alla cessazione delle ostilità lanciato dall’inviato delle Nazioni Unite Martin Griffiths. «La coalizione annuncia un cessate il fuoco totale in Yemen per un periodo di due settimane a partire dalla mezzanotte», si legge nella nota diffusa ieri sera dall’agenzia di stampa saudita Spa. La tregua, continua il comunicato, «potrebbe essere estesa per creare le condizioni per mettere in atto la proposta dell’inviato speciale dell’Onu per lo Yemen di tenere un incontro tra governo legittimo e (i ribelli sciiti) Houthi».

L’obiettivo dell’Onu è quello di un incontro che includa esponenti politici e militari delle parti in conflitto, con la mediazione di Griffith, per un cessate il fuoco permanente in Yemen e l’avvio di un percorso politico che metta fine al conflitto. La mossa è stata in parte decisa per evitare un potenziale scoppio del nuovo coronavirus nello Yemen, dove finora non sono stati segnalati casi. La minaccia del contagio nel Paese è molto temuta poiché la guerra ha lasciato milioni di persone vulnerabili alle malattie. Griffiths ha accolto con favore l’annuncio e ha ringraziato l’Arabia Saudita per “riconoscere e agire in questo momento critico per lo Yemen”. Le parti, ha esortato l’inviato dell’Onu, “devono ora sfruttare questa opportunità e cessare immediatamente tutte le ostilità con la massima urgenza e fare progressi verso una pace globale e sostenibile”.

La tregua è un primo passo avanti dopo i colloqui mediati dalle Nazioni Unite alla fine del 2018 in Svezia, dove entrambe le parti hanno firmato un cessate il fuoco per la città portuale di Hodeidah. Si prevede ora una riunione in una videoconferenza per discutere della proposta, che chiede di interrompere tutte le ostilità aeree, terrestri e navali. La coalizione a guida saudita sostiene il governo riconosciuto internazionalmente e dal marzo 2015 ha avviato una campagna militare fatta soprattutto di raid e bombardamenti aerei che hanno preso di mira in particolare la capitale Sanaa controllata dai combattenti Houthi appoggiati dall’Iran. I morti, in gran parte civili, sono stati sino ad oggi oltre 100mila.

Secondo i dati diffusi dai ribelli, sarebbero oltre 257mila i raid compiuti dai sauditi e dai loro alleati in Yemen negli ultimi cinque anni. L’ong Oxfam da parte sua aggiunge che ogni tre ore e mezza, un civile yemenita è morto a causa della guerra e che ogni ora 90 persone sono diventate sfollate, 50 si sono ammalate di colera e oltre cento hanno dovuto affrontare la fame. Le bombe hanno preso di mira anche scuole ed ospedali ed il blocco navale ed aereo imposto da Riyadh, con l’appoggio degli Stati uniti, ha isolato lo Yemen limitando l’accesso degli aiuti umanitari. Nena News

http://nena-news.it/yemen-i-sauditi-annunciano-una-tregua-di-due-settimane/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.