YEMEN. LA PACE LONTANA

561

tratto da: http://nena-news.it/yemen-la-pace-lontana/

01 apr 2021

Il conflitto nello Yemen infuria per il sesto anno senza una vera soluzione in vista. Sebbene con tante aspettative, la firma dell’accordo di Stoccolma nel dicembre 2018 da parte del governo e degli houthi mostra che la strada verso la riconciliazione è ancora piena di ostacoli

Yemen

dalla redazione

al-Hudaydah, Yemen – Il conflitto nello Yemen infuria per il sesto anno senza una vera soluzione in vista. La firma dell’accordo di Stoccolma, nel dicembre 2018, da parte del governo e del gruppo Ansar Allah (Houthi), sotto la protezione delle Nazioni Unite, è uno degli sviluppi più notevoli del conflitto, soprattutto alla luce dell’ottimismo associato alla firma, a seguito del fallimento dei precedenti tentativi di contenere la crisi. Il risultato finale, tuttavia, a due anni dall’accordo, suggerisce che la strada verso la pace nello Yemen è ancora piena di ostacoli.

Tre le componenti chiave dell’accordo: la situazione nella città di al-Hudaydah, il campo di battaglia nella città di Taizz e lo scambio di prigionieri tra le due parti. Due anni dopo, i risultati sul campo non soddisfano affatto le aspettative. In primo luogo, ogni sforzo dell’ONU è stato compiuto perlopiù per ottenere una vittoria diplomatica. Principalmente interessato alla propaganda, è mancata una vera e seria imposizione alle diverse parti di rispettare l’accordo. I successi raggiunti sono stati solo formali e non sono stati applicati sul campo.

I progressi nella città di al-Hudaydah sono stati minimi. Non sono stati rispettati ne il cessate il fuoco ne la razionalizzazione militare e il ritiro delle truppe dal porto commerciale. Sono stati commessi almeno 13.000 violazioni da quando il cessate il fuoco è entrato in vigore nel dicembre 2018.

Nonostante la relativa calma a intermittenza a al-Hudaydah, il riemergere di scontri, che si sono intensificati nell’ottobre 2019 in modo senza precedenti, conferma l’impasse dell’accordo. A questo proposito, si stima che la sola al-Hudaydah rappresenti un quarto di tutte le vittime della guerra in Yemen.

Nel tentativo di mostrare progressi, le Nazioni Unite hanno annunciato la creazione di un centro operativo congiunto per monitorare gli sforzi relativi all’escalation militare.

Sebbene questi passaggi abbiano ridotto gli incidenti di sicurezza nella città di circa l’80%, secondo Martin GriffithsSegretario Generale delle Nazioni Unite, non sono riusciti a impedire gli scontri in aree residenziali con forte coinvolgimento della popolazione civile.

Oltre a queste battute d’arresto, resta discutibile la questione di chi proteggerà la città di al-Hudaydah e il suo porto. Data l’istituzione di posti di osservazione congiunti, l’idea di utilizzare forze di mantenimento della pace locali potrebbe essere fattibile. Altrimenti, c’è la possibilità di un’escalation nei prossimi mesi se le forze congiunte sponsorizzate dagli Emirati Arabi Uniti, guidate dal generale di brigata Tariq Saleh ottengono il via libera, o se gli Houthi espandono le loro operazioni militari sulla costa occidentale, soprattutto considerando il governo yemenita posizione debole nei territori liberati.

Riguardo la situazione nella città di Taizz, le Nazioni Unite non ha posto le basi per un’allentamento dell’escalation militare, ne ha esercitato pressioni sufficienti per revocare l’assedio e migliorare la situazione umanitaria.

In Svezia, nel dicembre 2018, il governo yemenita e le delegazioni Houthi hanno deciso di scambiare più di 15.000 prigionieri. Le parti non solo hanno mancato la scadenza, ma non sono riuscite a realizzare l’accordo generale, sebbene da allora abbiano liberato unilateralmente centinaia di prigionieri. La fiducia tra le parti interessate rimane limitata, con meno del 5% dei detenuti inclusi nell’accordo rilasciato.

Esistono differenze cruciali tra prigionieri di guerra, detenuti arbitrari e ostaggi politici e l’accordo di Stoccolma non è riuscito a realizzare un processo giusto a questo proposito, portando a violazioni delle leggi internazionali umanitarie e dei diritti umani.

In assenza di un prevedibile accordo politico a livello nazionale, le Nazioni Unite e il Comitato Internazionale della Croce Rossa hanno il compito di rivalutare l’attuale meccanismo, sviluppare misure di rafforzamento della fiducia e incentivare i processi di scambio di prigionieri.

L’accordo di Stoccolma ha ottenuto risultati molto inferiori a quanto riportato dalle Nazioni Unite e a quanto previsto da molti osservatori occidentali. Più del 95% dei prigionieri rimane in detenzione.

La mancanza di progressi ha rafforzato lo status quo in tutto lo Yemen e ha posto le basi per un’ulteriore frammentazione piuttosto che per la stabilizzazione.

Il 2020 ha visto una pausa tra escalation e calma soprattutto nel sud dello Yemen, dove il rapporto tra il Southern Transitional Council (STC) e il governo yemenita ha assunto diverse forme di accordo e disaccordo.

L’accordo di Riyadh è stato firmato nel novembre 2019 con l’obiettivo di risolvere il conflitto nel sud e unificare il fronte anti-Houthi. Tuttavia, nonostante la sua importanza, l’accordo non è riuscito a calmare completamente la situazione. Ciò ha portato il STC a ribaltare l’accordo nell’aprile 2020, dichiarando un governo autonomo delle province meridionali, quindi nuova escalation militare.

Tuttavia, la stabilità nello Yemen meridionale appare ancora una sfida lontana

Le possibilità che i membri del STC rinuncino alle armi sono limitate, poiché l’accordo di Riyadh è visto come una tappa verso il grande obiettivo della separazione del sud. Inoltre l’Iran è il primo sostenitore regionale degli Houthi. Il suo sostegno ha contribuito allo sviluppo e al rafforzamento delle capacità militari del gruppo, oltre a fornire supporto logistico, che ha contribuito alla loro estensione e controllo su vaste aree dello Yemen. Gli Houthi sono diventati l’agente preferito di Teheran e uno dei suoi principali attori nel raggiungimento del grande obiettivo di espansione regionale.

Sulla base di quanto sopra, sembra difficile prevedere il corso degli eventi nello Yemen. Tuttavia, ci sono variabili che possono alterare in modo significativo la scena, come la nuova amministrazione statunitense. Quest’ultima potrebbe cercare di preservare i suoi interessi strategici riducendo le minacce terroristiche, garantendo libertà di navigazione, commercio e movimento petrolifero senza impegnarsi direttamente nella crisi. Potrebbe spingere gli sforzi dell’inviato speciale delle Nazioni Unite per lo Yemen verso una soluzione globale che inizi con la mediazione tra le due parti per attivare il cessate il fuoco. Potrebbe tentare di mobilitare la comunità internazionale per rispondere alle situazioni umanitarie nello Yemen. Potrebbe tentare di sfruttare il possibile riavvicinamento iraniano-americano, giocando sul gruppo Ansar Allah. Nena News

 

http://nena-news.it/yemen-la-pace-lontana/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.