YEMEN. TRUMP METTE IL VETO ALLA FINE DELLA GUERRA

0

17 apr 2019

La decisione attesa è arrivata poche ore fa: la Casa Bianca blocca la mozione del Congresso che imponeva l’uscita dal conflitto lanciato dai Saud, uno dei pilastri della politica estera di Washington in Medio Oriente

Il messaggio di Trump al Senato

della redazione

Roma, 17 aprile 2019, Nena News – Lo stop era atteso e nella notte italiana, il pomeriggio negli Stati Uniti, è arrivato: il presidente statunitense Trump ha posto il veto alla risoluzione del Congresso che pone fine al coinvolgimento degli Usa nella guerra in Yemen al fianco dell’Arabia Saudita.

“La risoluzione è un tentativo non necessario e pericoloso di indebolire i miei poteri costituzionali – ha scritto Trump nel messaggio che accompagna il veto – mettendo in pericolo le vite dei cittadini americani e dei coraggiosi membri dei servizi, oggi e in futuro”.

Il blocco da parte della Casa Bianca della mozione votata da Senato e Camera era attesa. Trump non può permettersi di mettere in pericolo i rapporti, strettissimi, con la famiglia reale saudita. Ma è comunque un atto che mostra ancora una volta le fratture interne sia tra la presidenza e il Congresso che all’interno del partito repubblicano. Nelle due camere alcuni repubblicani hanno votato insieme ai democratici, rigettando di fatto uno dei pilastri della politica estera trumpiana in Medio Oriente: l’alleanza con l’Arabia Saudita, e in particolare con il principe ereditario – ma il reggente de facto di Riyadh – Mohammed bin Salman.

Il Congresso ha fatto leva sul War Powers Act del 1973, legge che riconosce ai parlamentari il diritto di decidere se, quando e dove coinvolgere l’esercito americano in un conflitto militare. Alla Camera la mozione è passata con 247 sì e 175 no, al Senato con 54 voti a favore e 46 contrari, non abbastanza per impedire il veto: sarebbe servita la maggioranza dei due terzi per bypassare Trump.

Al veto hanno reagito i due parlamentari che hanno promosso per primi la mozione. Il senatore democratico Bernie Sanders, si è detto “deluso, ma non sorpreso”. Il deputato dem  Ro Khanna ha definito la decisione “una dolorosa opportunità persa”. A ringraziare, invece, il presidente Usa sono stati gli Emirati Arabi, protagonisti al fianco di Riyadh della guerra allo Yemen iniziata nel marzo 2015 e impegnati in particolare nel sud del paese: “L’asserzione di supporto del presidente Trump alla coalizione araba in Yemen è un segnale positivo”, il commento del ministro degli Esteri emiratino Anwar Gargash.

Resta, così, il sostegno militare iniziato sotto la presidenza Obama: supporto logistico, intelligence condivisa, rifornimenti aerei e soprattutto i miliardi di dollari in armi che fanno degli Usa il primo esportatore militare all’Arabia Saudita. Ma non è detto che finisca qui: indiscrezioni interne al Congresso riportano dell’intenzione di alcuni parlamentari di proseguire nella battaglia alla guerra contro lo Yemen.

Una guerra devastante per la popolazione del paese più povero del Golfo: il veto, dice il presidente dell’International Rescue Committee, David Miliband, “è di fatto la luce verde a una strategia di guerra che ha creato la peggior crisi umanitaria del mondo”. Dopo 19mila raid aerei della coalizione contro lo Yemen, si contano quasi 60mila morti, 22 milioni di persone – l’80% della popolazione – bisognosa di aiuti umanitari, 85mila bambini morti di fame, migliaia di morti per colera. Nena News

 

 

 

YEMEN. Trump mette il veto alla fine della guerra

http://nena-news.it/yemen-trump-mette-il-veto-alla-fine-della-guerra/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.