Voci da Gaza: giorno 119

133

Centodiciannovesimo giorno della guerra genocida contro Gaza, 2 febbraio 2024

La testimonianza di Zainab Al Ghonaimy, da Gaza sotto bombardamento e aggressione

Intrappolati e assediati tra il terrore e la distruzione dei missili e della pioggia

Da diversi giorni ormai, il rumore dei tuoni e degli scrosci di pioggia si è mescolato al suono dei razzi e dei proiettili a Khan Yunis, a Gaza City e in altri luoghi nei governatorati Centrale e di Rafah, e i risultati sono a dir poco disastrosi.

La scena si ripete quotidianamente: distruzione di edifici, sfollamento di persone e uccisioni spietate. Nonostante le notizie trasmesse quotidianamente sul numero crescente di donne, bambini e uomini martirizzati, in realtà ognuna di loro ha una storia e dettagli di vita che vengono raccontati da parenti e amici mentre piangono e provano dolore per la loro perdita.
Una mia amica, quando mi sono avventurato a farle visita qualche giorno fa, mi ha detto: “Ti ricordi il nostro collega, l’avvocatessa Elham? Quanto era meravigliosa, gentile e collaborativa! Un missile è caduto sulla casa dei suoi vicini e la sua casa è crollata di conseguenza : lei, suo marito e tutti i suoi figli sono stati martirizzati, tranne uno, scampato alla morte perché era andato a comprare delle cose”. La stavo guardando mentre continuava la notizia: “Gloria a Dio, suo figlio è rimasto vivo per la storia, per raccontare la sua famiglia, raccontare le loro storie e completare ciò che era stato interrotto”. Mi ha anche raccontato di come il cardiologo e la sua famiglia siano stati uccisi direttamente quando l’esercito di occupazione è entrato nel quartiere. Dopo che i soldati hanno perquisito la casa e non hanno trovato nulla di quello che stavano cercando, i soldati mercenari li hanno comunque uccisi senza pietà…

Abbiamo trascorso del tempo mentre la madre della mia amica raccontava anche di ciò che aveva sentito dire di altre famiglie completamente sterminate, e di come fossero rimasti solo parenti lontani a raccontare del crimine contro di loro, o di storie diffuse solo attraverso ciò che é pubblicato su Internet dei nomi delle vittime, donne, bambini e uomini, o talvolta quando sono stati menzionati nelle notizie o nei video catturati dai giornalisti e trasmessi in diretta sui loro account. C’è l’esempio di quella donna che piange per suo figlio di cui non conosce la sorte, o quel padre che tiene per mano una bambina e dice: “Questo è ciò che resta della mia famiglia , eravamo otto ”.

Dopo il ritiro dell’esercito sionista dalle città del nord e del nord-ovest di Gaza City, la gente é andata sotto la pioggia e nel fango alla ricerca dei corpi dei loro conoscenti e parenti, che i soldati avevano seppellito in fosse comuni o lasciati all’aperto. Uno dei giovani disse: “Questo corpo è del mio vicino e l’ho riconosciuto dal colore della sua camicia”. Un altro a quelli intorno a lui: “Che mi dici di questa donna? Qualcuno la riconosce? Potrebbe appartenere a una famiglia …?”

Le storie orribili non si fermano in questi giorni. Durante una telefonata, una mia amica a Rafah ha iniziato a raccontarmi la tragedia di tal dei tali e di altri nostri amici, e di come continuano a cercare di vivere e sopravvivere nonostante le la perdita dei figli, delle figlie, dei mariti e dei suoceri, la distruzione delle loro case e gli spostamenti più volte da un luogo all’altro, al punto che alcuni di loro hanno passato addirittura la notte in una tenda nella strada, poi abbattuta dal forte vento, cosicché la nostra amica è corsa in un’altra tenda per ripararsi dalla pioggia. Le ho chiesto: “Come hai fatto a correre?” in quanto ha più di settant’anni e soffre di varie malattie croniche. La risposta è stata: “Naturalmente, vuole poterlo fare, e cosa potrebbe fare altrimenti? Non c’è scelta. Stiamo scegliendo qualcosa oltre al fatto che stiamo cercando di salvare le nostre vite, se possiamo ?”

Questa conversazione mi ha ricordato la domanda che mia figlia mi ha rivolto ieri in una breve telefonata: “Mamma, voglio chiederti: come fai a salire e scendere tutti i giorni sul tetto per potermi parlare? E come stanno le tue gambe e le tue ginocchia?”

Naturalmente la sua domanda si riferisce al fatto che di solito soffro di dolori alle gambe a causa del salire o scendere le scale e quando sono andata a trovarla l’estate scorsa mi lamentavo della mancanza di ascensori nelle case e nelle stazioni della metropolitana , facendo affidamento su un bastone in mano a cui appoggiarmi ogni volta che salivo le scale.
Mi sono ritrovata a ridere mentre le ho risposto: “Prima di tutto, durante questa aggressione, il mio peso è calato molto, il che ha reso i miei movimenti più facili. In secondo luogo, ho bisogno di un segnale di comunicazione. Anche se fosse nel cielo, sopporterei il dolore per poter sentire la tua voce, per sentire che esisto ancora”. Ho ricordato con dolore tutte le mamme che hanno perso o sono state separate dai loro figli e figlie e come provano sofferenza e amarezza in ogni momento, e mi sono detta tra me e me, come dice la mia parente: “Stiamo vivendo la benedizione della vita, ma non sappiamo per quanto tempo?”

Sì, quanto possono durare la paura e il terrore di un missile vagante, di un missile previsto o di un attacco guidato da un cecchino? Eccoci qui, quelli che sono rimasti in vita a Gaza City, a vivere quotidianamente con l’esercito di occupazione sionista come un gioco di morte e nascondino. Un giorno si ritirano da un luogo e, dopo che la gente vi è ritornata, l’esercito ci ritorna di nuovo e all’improvviso i carri armati capovolgono il posto sottosopra.

Ad esempio, guarda cosa è successo nelle aree a ovest di Gaza City, nel quartiere di Al-Rimal e in via Al-Thalatheni all’incrocio tra il quartiere di Al-Sabra e via Omar Al-Mukhtar. Questi luoghi, che una settimana fa erano affollati di bancarelle e venditori ambulanti dopo il ritorno della gente alle proprie case, sono ritornati solo due giorni fa e si sono trasformati in crocevia di morte e perdita certa. Dove due giorni fa è rimasta intrappolata la bambina Hind, dove lei e i corpi della sua famiglia che sono stati uccisi accanto a lei e di coloro che hanno cercato di salvarla sono ancora dispersi.

Allo stesso tempo, il cielo fa lo stesso gioco con noi: il sole splende all’improvviso e poi tramonta, facendo cadere la pioggia e trasformando le strade in torrenti di fango nero in cui annegano i passanti, perché hanno paura di camminare accanto ai resti degli edifici demoliti per evitare che cadano pietre sulla loro testa dai resti della distruzione.

Fino a quando? Una domanda che viene posta quotidianamente da bambini e adulti. Questa realtà continua, e noi continuiamo con essa quanto più possiamo, aspettando la risposta!

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.